Franco Meloni

 Validato   

  ReligioneCultura

Tempo di Lettura: 4 minuti

Charles de Foucauld, l’uomo del dialogo con i musulmani e della fraternità universale

Il 15 maggio u.s. Papa Francesco ha canonizzato fratel Charles de Foucauld, eremita, francese, uomo di Pace, riferimento assoluto di quanti perseguono la fraternità universale. Ne parliamo in un convegno a Cagliari.

Martedì 7 giugno 2022, alle ore 18, nei locali della Parrocchia di S. Anna, in via Fara 19 a Cagliari si svolgerà un convegno sulla figura di Charles de Foucauld.

Si confronteranno Ettore Cannavera, che ne illustrerà la vita e il percorso umano e religioso; Claudia Zuncheddu, che si soffermerà sugli ambienti del deserto dove ha operato, sulle piste dei tuareg dell’Hoggar verso l’Assekrem (l’Hoggar è tutta la catena montuosa Sud Algeria e nella cima del monte Assekrem, l’heremitage di C. de Foucauld). Infine, Margherita Zaccagnini parlerà della presenza in Sardegna dei “Piccoli Fratelli” che hanno ispirato la loro missione all’insegnamento del santo eremita. L’attore Marco Bisi leggerà alcuni brani degli scritti di Charles De Foucauld.

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Giuseppe Toniolo, in collaborazione con gli Amici sardi della Cittadella di Assisi. Introdurrà i lavori il parroco di Sant’Anna don Franco Matta. Coordineranno, in rappresentanza delle associazioni promotrici, Gianni Loy e Franco Meloni.

Di seguito una riflessione di Franco Meloni, già pubblicata su il manifesto sardo del 1° giugno 2022.

Il nostro incontro si propone sostanzialmente tre obiettivi, condensati in altrettanti punti:

. conoscere in modo essenziale ma significativo la personalità di Charles de Foucauld, i luoghi da lui abitati, le persone che lui amò e che lo amarono, soprattutto nell’ultimo periodo della sua vita nel deserto algerino;

. conoscere il suo messaggio fondamentale, di uomo di pace, “fratello universale”;

. cercare di capire le ragioni del perché il suo messaggio affascini ancor oggi, soprattutto oggi, molti credenti e non credenti.

I relatori daranno risposta a questi diversi interrogativi sulla base delle proprie conoscenze ed esperienze nel loro incontro con il pensiero di C. de Foucauld. Quelli che seguono sono solo personali contributi preliminari al dibattito di martedì. Sul primo punto vale la pena riportare una sintesi efficace della biografia di Charles de Foucauld, fatta dal teologo Brunetto Salvarani, che ha scritto un libro sulle somiglianze di San Carlo de Foucauld a San Francesco d’Assisi, ambedue citati da Papa Francesco nella sua ultima enciclica “Fratelli tutti” come pilastri “architettonici” della fraternità.*

“Charles-Eugène de Foucauld nasce a Strasburgo, in Alsazia, il 15 settembre 1858, da un’antica famiglia nobiliare il cui storico motto è “Mai ritirarsi!”; morirà in circostanze drammatiche, nel deserto algerino in cui si era spinto (e non ritirato) per seguire quella che aveva finalmente intuito essere la sua definitiva vocazione, il 1° dicembre 1916. Ebbe una vita piuttosto breve, dunque, appena cinquantotto anni: eppure, le definizioni che gli si potrebbero attribuire sono tante, e variegate. Ufficiale di cavalleria ben disposto all’azione, brillante esploratore in terra africana, stimato geografo ed etnologo, meticoloso linguista, e naturalmente uomo dello Spirito, presbitero, monaco e poi eremita in Dar al-Islam. A dispetto di ciò e di un’esistenza quanto mai poliedrica, in realtà, di tutti gli obiettivi che si era dato, egli non ne raggiunse nemmeno uno: avrebbe voluto fondare un ordine religioso, o almeno un istituto di fratelli, ma nonostante ripetuti tentativi e sperimentazioni non ci riuscì. Rifiutò d’altra parte, inoltre, di diventare ciò che di volta in volta gli veniva richiesto dalla famiglia e dalle occasioni che gli si pararono davanti, dapprima studente modello e poi soldato di carriera, scegliendo di rimanere costantemente ai margini, per consegnarsi alla fine al silenzio, all’ascolto e alla preghiera. Pur abitando nel deserto profondo fianco a fianco con i Tuareg, tradizionalmente musulmani sunniti, non determinò in loro alcuna conversione al Vangelo, fino a trovare la morte, assassinato per futili ragioni, quando ancora era nel pieno della sua maturità intellettuale e spirituale”

I frutti della sua vita arrivarono copiosi diversi anni dopo la sua morte.

Sul secondo punto, possiamo sintetizzare la missione di C. de Foucauld, nelle sue stesse parole riportate in una lettera per la cugina Marie, del 7 gennaio 1902: “Voglio abituare tutti gli abitanti, cristiani, musulmani, ebrei e idolatri, a considerarmi come loro fratello, il fratello universale”

Sul terzo punto sembra pertinente rifarsi al pensiero del cardinale Carlo Maria Martini sul rapporto tra credenti e non credenti**, il quale sosteneva che dentro ciascuno di noi convivono distinti un credente e un non credente che lottano quotidianamente, a volte prevalendo l’uno, a volte l’altro. Cogliendo questo concetto, sommessamente aggiungo che dentro ciascuno di noi agiscono forze del male e forze del bene. Nei nostri comportamenti a volte prevalgono le une, a volte le altre. Ovviamente saremo felici se a prevalere in noi fossero sempre le forze del bene, ma purtroppo non è così (la guerra è un terribile esempio del prevalere del male nei comportamenti singoli e di intere aggregazioni umane). Carlo de Foucauld evidentemente rappresenta la forza del bene, quella che più si avvicina al modello di Gesù Cristo. Così come fu per San Francesco d’Assisi. I due santi, non a caso, sono riferimenti espliciti di Papa Francesco, come mirabilmente ripresi e proposti nella sua enciclica “Fratelli tutti”. 

Siamo coscienti della nostra piccolezza rispetto a questi giganti della spiritualità. Ma tuttavia non desistiamo dal confrontarci.

In particolare, come afferma Brunetto Salvarani di Carlo de Foucauld: “imbattendosi in lui e nella sua storia da moderno padre del deserto, è impossibile rimanere indifferenti: o ci si innamora ingegnandosi a conoscere tutto di lui, o ci si rifiuta di farsi coinvolgere, di fronte a quello che potrebbe anche apparirci un idealista un po’ folle, incapace di fare i conti con la dura realtà”.

Forse per noi l’alternativa non è così secca, ma tuttavia cerchiamo di riflettere insieme e di capire per quanto riusciamo a farvi tesoro per la nostra vita.

————————-

* Brunetto Salvarani “Fino a farsi fratello di tutti. Charles de Foucauld e Papa Francesco”.  Cittadella Editrice. Aprile 2022.

** Al riguardo una riflessione condivisa dal cardinale Carlo Maria Martini e dal filosofo Norberto Bobbio: «la differenza più importante non è tra chi crede e chi non crede, ma tra chi pensa e chi non pensa ai grandi interrogativi dell’esistenza».


Fonte: il manifesto sardo, aladinpensiero online, giornalia, Fratelli tutti, Papa Francesco, Brunetto Salvarani
RIPRODUZIONE RISERVATA ©



letto 508 volte • piace a 4 persone3 commenti


User Avatar

23 Giu 2022

Salve. A causa del COVID-19 ho perso tutto e grazie a dio ho ritrovato il mio sorriso ed è stato grazie al signore Massimo Olati, che ho ricevuto un prestito di 55.000€ e due miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti da quest`uomo senza alcuna difficoltà.... È con il signore Massimo Olati, che la vita mi sorride di nuovo è un uomo semplice e comprensivo. Ecco la sua E-mail : olatimassimo56@gmail.com

Franco Meloni

16 Giu 2022

Charles de Foucauld, uomo del dialogo con i musulmani e della fraternità universale, un santo amato dai sardi di Franco Meloni Alla canonizzazione di Charles de Foucauld domenica 15 maggio in piazza San Pietro era presente anche una delegazione di sardi. Gran parte di essi aveva condiviso il messaggio del santo eremita sostenendo e partecipando alle attività sociali e religiose di suoi seguaci, piccoli fratelli del Vangelo, che a far data dall’agosto 1957, presero dimora a Bindua, un minuscolo borgo del Sulcis Iglesiente, fondando una delle prime fraternità, a cui seguì in Sardegna quella di Ottana (ambedue non più attive), mentre il movimento si diffondeva nel Mondo. Tra i primi tre piccoli fratelli di Bindua spiccava la figura di Arturo Paoli, presbitero, che dalla Sardegna spostò la sua attività missionaria in Algeria e successivamente in America Latina (Argentina, Venezuela, Brasile), mantenendo comunque forti rapporti con i suoi amici sardi. Spesso impegnato in cicli di conferenze in Italia e in Sardegna, dappertutto seguite con grande interesse. Proprio Paoli, morto a Lucca nel 2015 a 102 anni, ha fatto conoscere Charles de Foucauld a Papa Francesco, come riconosciuto dallo stesso pontefice nel breve discorso tenuto ai membri dell’Associazione Famiglia Spirituale Charles de Foucauld a Roma in occasione della canonizzazione. Dice il Papa: “Charles de Foucauld, profondamente segnato dalla vita umile e nascosta di Gesù a Nazaret, che adorava in silenzio, ha voluto essere un fratello universale”. Così come Francesco d’Assisi, con fratel Carlo de Foucauld ispiratore della “Fratelli tutti”: veri pilastri “architettonici” della fraternità. Dunque San Carlo de Foucauld ha speciale attenzione in Sardegna e il suo culto è destinato a crescervi per il messaggio spirituale fortemente attuale incarnato dalla sua pur breve vita, che può dare convincenti risposte alla crisi di senso che attraversa la nostra tormentata epoca. Non è un caso che l’iniziativa su Charles de Foucauld tenutasi martedì 7 giugno presso la Parrocchia di Sant’Anna – promossa dall’Associazione Giuseppe Toniolo, in collaborazione con gli Amici sardi della Cittadella di Assisi – abbia avuto uno straordinario successo di partecipazione e ricchezza di contenuti, a partire dall’introduzione ai lavori del parroco don Franco Matta, per seguire con le relazioni di Ettore Cannavera, Claudia Zuncheddu, Margherita Zaccagnini e le conclusioni di Gianni Loy. Non mancheranno prossimi importanti appuntamenti a carattere cittadino e regionale a partire dal prossimo autunno

Franco Meloni

12 Giu 2022

Su Charles de Foucauld. https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2022-05/charles-de-foucauld-teatro-osservatore-romano.html?fs=e&s=cl

Devi fare log in per poter commentare.

Scrivi anche tu un articolo!


Articoli Correlati


FESTA DI DON BOSCO. Gli Exallievi di Cagliari festeggiano San Giovanni Bosco domenica 31 alle 9.30
Confermata la Santa Messa in ricordo del Santo dei giovani. Obbligatori mascherina e distanziamento


SINODO. Noi critici ma partecipi. Si vedrà… Intanto come laici ci siamo!
Partecipiamo al Sinodo e ai "cammini sinodali", promuovendo informazione, dibattito e iniziative il più possibile aperte e coinvolgenti. Qui ospitiamo un intervento di Giacomo Meloni.